64, musica a 8 bit

serata di brani digitali e suggestioni in vinile – Giovanni A. Cignoni, Giuseppe Lettieri, Alessandro Magnani

Quando nel gennaio del 1982 arrivò il Commodore C=64, fra le diverse cose che contribuirono al suo successo c’era il SID. Precisamente designato MOS 6581 Sound Interface Device, il SID è un programmable sound generator, cioè un circuito integrato capace di generare suoni interpretando dei valori numerici scritti in una serie di registri dedicati. In pratica sul C=64 si possono scrivere programmi che, passandogli i numeri giusti, suonano il SID come fosse uno strumento.

Progettato da Bob Yannes, le caratteristiche principali del SID erano date da tre oscillatori analogici, ognuno capace di produrre quattro differenti forme d’onda (dente di sega, triangolare, quadra e rumore) controllate da generatori di inviluppo attack/decay/sustain/release. Insomma un’oggettino niente male, che pare i vertici Commodore giudicassero “10 volte meglio di qualsiasi altro integrato analogo e 20 volte meglio di quanto sarebbe bastato”.

Per molti programmatori/musicisti il SID fu un’opportunità per esibire i propri virtuosismi. Per esempio, un difetto elettronico causava in certe condizioni un’interferenza sul segnale in uscita: fu sfruttato per una quarta voce capace di produrre suoni in campionamento digitale. Già nel 1983 Impossible Mission lo usava per il famoso “Another visitor. Stay awhile, stay forever!”.

La musica scritta per ed eseguita con il C=64 è diventata nel tempo un sottogenere più longevo del C=64 stesso: ci sono programmatori/musicisti che ancora si cimentano con il SID. Nella selezione proposta alcuni brani sono colonne sonore originali di giochi, altri sono cover di temi famosi, altri ancora sono pezzi prodotti come demoscene, una forma di computer art che sfoggia abilità di programmazione attraverso demo audiovisive che sfruttano al massimo le capacità della macchina.

Nel programma della serata a brani suonati con il C=64 si alternano pezzi tratti dalla distribuzione musicale “tradizionale”. La scena musicale degli anni ’70 e ’80 ha naturalmente ispirato i virtuosi del SID. Ma le sonorità e i ritmi da videogiochi – del C=64 e non solo – si ritrovano nei pezzi del periodo ma anche in produzioni recenti come riferimenti a un contesto ormai popolare.

Brani al C=64
01. Ghosts ’n Goblins, Mark Cooksey, colonna sonora originale del gioco, 1986
02. Spunk, Thomas Mogensen, demoscene, 2006
03. Popcorn, Kristian Svensson, cover del brano di G. Kingsley, 2013
04. Commando, Rob Hubbard, colonna sonora originale del gioco, 1985
05. Dr Who, Hein Holt, cover del tema di R. Grainer della serie televisiva, 2011
06. Battleships, Mark Cooksey, colonna sonora originale del gioco, 1987
07. Break Free, Thomas E. Petersen, demoscene, 1989
08. Ghostbusters, Russel Lieblich (Ray Parker Jr.), 1984
09. Alternative Fuel, Jeroen Tel, demoscene, 2004
10. Come on, please, Volker Meitz, demoscene, 1993ca
11. Cybernoid, Jeroen Tel, colonna sonora originale del gioco, 1988
12. The Alibi, Thomas E. Petersen, demoscene, 1990
13. Monty on the Run, Rob Hubbard, colonna sonora originale del gioco, 1985
14. Ocean Loader V3, Peter Clarke, loader dei giochi distribuiti dalla Ocean, 1987

Brani da vinile
01. The Whistler, Johnny Hawksworth, 1968
02. Catching Game, Cecil Canterburn, 1970 ca
03. Soirée chez Jean-Sébastien, Jean-Jacques Perry, 1971
04. Hell’s Angels, Georges Rodi, 1971 ca
05. Heystone Capers 2, Eric Peters, 1972
06. Ringo, Sam Spence, 1973
07. Rita, Bruce Haack, 1975
08. Freak Blues, Eric Peters, 1978
09. T.V.O.D., The Normal, 1978
10. Computer Game, Yellow Magic Orchestra, 1979
11. State of Shock Part 2, Silicon Teens, 1980
12. Pac-Man Fever, Buckner & Garcia, 1982
13. Binary Love, Doris Norton, 1984
14. Mainframe Blues, Dave Vorhaus, 1985
15. Space Invaders are smoking grass, I-F, 1998